Penale

Cliente-avvocato, confessione utilizzabile se fatta a livello "amicale"

Francesco Machina Grifeo

Fonte: Guida al Diritto Se l'indagato confessa il reato al proprio legale a titolo «amicale» allora l'intercettazione è utilizzabile in quanto la conversazione non ha carattere professionale. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 26323/2014, accogliendo il ricorso di un Pm e annullando, con rinvio, l'ordinanza che aveva revocato gli arresti domiciliari ad un uomo processato per estorsione, crollo di costruzione e possesso di materiale esplodente. La vicenda - La vicenda ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?