Penale

Non è reato se il cane sporca la biancheria

di Luana Tagliolini

Non impedire che le deiezioni del proprio cane sporchino la biancheria stesa ad asciugare nel sottostante balcone non costituisce reato di danneggiamento. Per la Cassazione penale (sentenza 13970/2018) il ricorso è risultato inammissibile per manifesta infondatezza. Infatti, poiché l'abolizione della fattispecie criminosa elimina dall'ordinamento la norma incriminatrice penale, ogni giudice che sia formalmente investito della cognizione sulla fattispecie oggetto di abrogazione (nel caso, sul reato di danneggiamento semplice) ha il compito di dichiarare che il fatto non è ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?