Penale

Reato l’offesa al giornalista

di Andrea A. Moramarco

Pubblicare sulla pagina pubblica di un social network frasi di disprezzo nei confronti dell’operato di un giornalista, comunicando a più persone in maniera esponenziale, configura il reato di diffamazione. Le parole offensive, infatti, sono tali da far ingenerare nel lettore della comunicazione contestata il convincimento che il giornalista sia stato scarsamente rispettoso delle regole tecniche e dei doveri inerenti alla funzione professionale da lui ricoperta. Tribunale di Trento – sezione penale - sentenza 26 aprile 2017 n. 129 ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?