Penale

Peculato per il notaio che trattiene le somme dell'imposta di registro

Francesco Machina Grifeo

Scatta il reato di peculato per il notaio che si appropria di somme ricevute dai clienti per il pagamento dell'imposta di registro per atti di compravendita immobiliare da lui rogati. Lo ha stabilito la Corte d'Appello di Roma, con la sentenza 15 marzo 2017 n. 2094, chiarendo che il professionista in questi casi riveste la qualifica di pubblico ufficiale. Già in primo grado, il Tribunale di Roma aveva dichiarato il notaio colpevole del delitto di peculato continuato, condannandolo a ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?