Penale

Poste, peculato per lo sportellista che sottrae denaro

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

L'addetto al servizio dei bollettini postali, a prescindere dal fatto che sia dipendente delle Poste o di una società interinale, esercita concreto funzioni di certificazione e non mansioni meramente esecutive e, conseguentemente, riveste la qualifica di incaricato di pubblico servizio. Se, pertanto, lo sportellista si impossessa di denaro versato dagli utenti in occasione del pagamento di bollettini, si configura il delitto di peculato e non quello di appropriazione indebita. Ad affermarlo è la Corte d'appello di Roma nella sentenza ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?