Penale

Linee guida ignorate, per l’anestesista è omicidio colposo

di Patrizia Maciocchi

Neppure la nuova legge sulla responsabilità medica salva l’anestesista che non controlla la corretta ossigenazione del paziente durante un intervento, ignorando le raccomandazioni delle linee guida. E il nesso tra la negligenza del camice bianco e la morte deve considerarsi provato anche se il decesso avviene quasi un mese dopo l’intervento. La Corte di cassazione (sentenza 33770) respinge il ricorso di una dottoressa contro la condanna per omicidio colposo, dopo la morte di una paziente dovuta al ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?