Penale

Diritto d'autore, vedere la partita al circolo non è reato

di Andrea A. Moramarco

Chi trasmette un programma sportivo criptato all’interno di un circolo ricreativo che, per statuto, non persegue finalità di lucro, utilizzando una smart card legittimamente detenuta e idonea alla ricezione di programmi televisivi a pagamento per uso esclusivamente domestico, non commette il reato di abusiva trasmissione previsto dalla legge sul diritto d’autore. La responsabilità penale scatta solo se la trasmissione avviene in un esercizio commerciale e per vedere la partita si paga un biglietto. Tribunale di Bari ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?