Penale

Notifiche via Pec, l'errore di persone non obbliga l'avvocato a intervenire

di Francesco Machina Grifeo

È nulla la notifica via Pec al difensore del decreto di citazione in giudizio, se negli allegati si fa riferimento a soggetti diversi che non hanno niente a che vedere con l’imputato assistito dal professionista. Né sul legale incombe l’onere di attivarsi per ottenere dagli uffici un’informazione corretta. Lo ha stabilito la Cassazione nella sentenza n. 33304, accogliendo il ricorso di un ultrà condannato dalla Corte di appello di Genova a quasi 5mila euro di ammenda per aver «indebitamente» ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?