Penale

Nessun reato per chi porta il decoder al circolo per vedere la partita

Francesco Machina Grifeo

La trasmissione di una partita criptata all'interno di un circolo ricreativo, alla presenza di sole quattro persone ed in assenza di qualsivoglia finalità commerciale, non integra il reato previsto dalla legge in materia di protezione del diritto d'autore per chi in assenza di accordo con il legittimo distributore, ritrasmetta o diffonda con qualsiasi mezzo un servizio ricevuto attraverso un decoder. Lo ha stabilito il Tribunale di Bari, con la sentenza 28 marzo 2017 n. 1413, assolvendo il presidente del ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?