Penale

Per mafioso è il carcere l'unica misura cautelare

di Giovanni Negri

È la custodia in carcere la misura cautelare da applicare al mafioso, indipendentemente dalla sua collocazione all’interno di Cosa Nostra. Lo conferma la Corte costituzionale con l’ordinanza n. 136 depositata ieri e scritta da Giorgio Lattanzi. Respinta quindi, come manifestamente infondata, la questione di legittimità costituzionale sollevata dalla Corte d’appello di Torino. L’ordinanza ricorda che il particolare regime stabilito per gli imputati del reato previsto dall’articolo 416-bis del Codice penale, è fondato su una considerazione: l’appartenenza a ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?