Penale

Per chi spaccia vicino all’università niente arresto perchè manca l’aggravante

Giampaolo Piagnerelli

Lo spaccio nelle vicinanze dell'università non integra la circostanza aggravante che legittima l'arresto e la detenzione in carcere. Al più resta l'obbligo di firma. Questo in estrema sintesi l'importante principio contenuto nella sentenza della Cassazione n. 27458/2017. La vicenda - La Corte si è trovata alle prese con una vicenda in cui uno straniero era stato colto in flagrante a cedere 1,75 grammi di cocaina. Nella richiesta di convalida dell'arresto facoltativo in flagranza il pm ha ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?