Penale

Abuso di prestazione d'opera, l'aggravante scatta anche per il danno a terzi

Francesco Machina Grifeo

Nel reato di truffa, per far scattar l'aggravante di abuso di relazioni di prestazione d'opera, prevista dall'articolo 61 n. 11 del codice penale, «non è necessario che il rapporto intercorra direttamente tra l'autore del fatto e la persona offesa, essendo sufficiente che l'agente si sia avvalso della esistenza di tale relazione che gli ha dato l'occasione di commettere il reato in danno di altri soggetti, agevolandone la esecuzione». Lo ha stabilito il Tribunale di Ivrea, con la sentenza 10 ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?