Penale

Auto rubata, il cambio targa non prova il riciclaggio del conducente

Francesco Machina Grifeo

Ricettazione e non riciclaggio per chi viene fermato alla guida di un'auto rubata, con il telaio alterato e le targhe sostituite, se manca la dimostrazione di quel «quid pluris idoneo a indicare che la condotta, consistita nella alterazione o manipolazione del bene, sia riconducibile, quanto meno nella forma del concorso di persone, all'imputato». E siccome nel caso affrontato, come sostenuto dalla difesa, difettava la prova che l'imputato avesse manomesso il telaio o le targhe, la Corte d'Appello di Roma, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?