Penale

Corruzione e falso per il dipendente della motorizzazione che prende soldi per attestare revisioni mai fatte

di Selene Pascasi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Rispondono dei reati di corruzione per atto contrario ai doveri d'ufficio e falso in atto pubblico, i dipendenti del Ministero dei Trasporti, in servizio presso l'Ufficio di Motorizzazione Civile, che, in concorso tra loro, ricevano denaro per formare una falsa attestazione di avvenuta revisione di un veicolo mai sottoposto a prove o a controlli. Ad affermarlo, è il Tribunale di Genova, con sentenza n. 93 del 23 gennaio 2017. Finiti a processo per falso e per aver commesso atti ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?