Penale

Bancarotta semplice se non è provato il dolo del «prestanome»

Francesco Machina Grifeo

Se l'amministratore di diritto non è al corrente della sottrazione o dell'omessa tenuta della contabilità della società, da parte dell'amministratore di fatto, non può essere condannato per bancarotta fraudolenta documentale ma soltanto per bancarotta semplice, mancando il requisito del dolo. Lo ha stabilito la Corte d'Appello di L'Aquila, con la sentenza del 30 gennaio 2017 n. 101, affermando, sulla scorta della giurisprudenza di Cassazione che «in materia di reati fallimentari l'amministratore di diritto risponde del reato di bancarotta fraudolenta ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?