Penale

Sull’estorsione pesa l’efficacia della minaccia e cioè se il male risulta certo e realizzabile

di Giuseppe Amato

Il criterio distintivo tra il reato di truffa e quello di estorsione, quando il fatto è connotato dalla minaccia di un male, deve essere individuato valutando la concreta efficacia coercitiva della minaccia, dovendosi ritenere l'estorsione se il male viene indicato come certo e realizzabile a opera del reo o di altri, poiché in tal caso la persona offesa è posta nell'ineluttabile alternativa di far conseguire all'agente il preteso profitto o di subire il male minacciato; si verte, invece, nella ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?