Penale

Terrorismo, sì al carcere per chi si addestra

di Enrico Bronzo

È legittima la restrizione in carcere per la persona addestrata a commettere atti di terrorismo. Questa la decisione presa dalla Corte di cassazione con la sentenza 6061depositata ieri. Analizzando la legge 43/2015 sul contrasto al terrorismo, la Corte ricorda che la norma (articolo 270-quinquies del Cp) equipara ai fini della punibilità l’addestratore alla persona addestrata (anche online). Nel dettaglio, la Corte ha specificato che «l’addestrare e il fornire istruzioni, sul lato del “docente”, implicano senza ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?