Penale

Non è esclusa la truffa se la Asl è al corrente dell'attività extramoenia, ma il primario non timbra le uscite

Paola Rossi

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Il primario di un'Azienda sanitaria che si assenti in orario di lavoro senza timbrare l'uscita, per svolgere attività extramoenia, rischia comunque la condanna per truffa aggravata anche se alla Asl venivano comunicate le prenotazioni relative alla sua attività da libero professionista. Così la Corte di cassazione con la sentenza n. 6280/2017, depositata il 9 febbraio, ha smentito il ragionamento del Gup che aveva escluso in radice il dolo dell'imputato in ragione del fatto che la mancata segnalazione delle uscite ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?