Penale

Avere una procura generale non prova il ruolo dell'amministratore di fatto nella bancarotta

di Patrizia Maciocchi

Il conferimento di una procura generale non basta per affermare la qualifica di amministratore di fatto della società fallita. La Corte di cassazione, con la sentenza 547 depositata ieri, annulla con rinvio una sentenza di condanna per il reato di bancarotta fraudolenta per distrazione. I giudici della quinta sezione penale sottolineano che, a torto, la Corte d’Appello aveva considerato provata la qualifica di amministratore di fatto sulla base di una procura generale “ad negotia”. Secondo la Corte territoriale ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?