Penale

Diffamazione online: il legale rappresentante concorre nel reato

di Patrizia Maciocchi

Il legale rappresentante della società che gestisce un sito Internet risponde di concorso nella diffamazione se, a conoscenza del commento lesivo, non si adopera per farlo rimuovere. La Corte di cassazione (sentenza 54946) respinge il ricorso dell’amministratore della Srl gerente del sito agenziacalcio.it, sottoposto a sequestro preventivo, per aver pubblicato un commento nel quale il presidente della Lega nazionale dilettanti della Federazione italiana Gioco Calcio, Carlo Tavecchio, veniva definito «emerito farabutto» e «pregiudicato doc», con tanto di certificato penale ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?