Penale

Condanna per omicidio, sì al permesso per assistere la moglie psicotica

Francesco Machina Grifeo

In coerenza con l’«umanizzazione delle pena» perseguita dall'articolo 30 dell'Ordinamento penitenziario, anche la malattia psichica grave del familiare (in questo caso la moglie) autorizza la concessione al detenuto di un “permesso di necessità”. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 1° settembre 2016 n. 36329, rigettando il ricorso del Procuratore generale di Lecce che, invece, dopo aver ricordato che il richiedente stava espiando una condanna per omicidio, aveva escluso la riconducibilità della fattispecie al requisito della ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?