Penale

Vendere prodotti biologici “finti” è reato anche se il prezzo è basso

di Patrizia Maciocchi

Il reato di frode in commercio per chi vende arance tradizionali spacciandole per biologiche scatta anche se il prezzo di vendita è uguale. La Corte di cassazione, con la sentenza 35387 depositata ieri, punisce la “bugia” indipendentemente dal profitto e respinge il ricorso dell’amministratore unico e del gestore di fatto di una società ortofrutticola che acquistava arance da un’altra Srl e le metteva in commercio dopo averle etichettate. Proprio questo passaggio era ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?