Penale

Il ritardo di tre mesi nel pagare il mantenimento non è reato

di Andrea A. Moramarco

Il tardivo versamento di sole tre mensilità del mantenimento dei figli non basta per integrare il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare, se il ritardo è dipeso da ragioni lavorative e l’importo è stato successivamente saldato con un unico pagamento. È quanto accaduto nel caso deciso dal Tribunale di Firenze, che ha assolto il padre di tre figli il quale aveva sempre rispettato i suoi obblighi, pagando alcune mensilità anche in anticipo, e che, dopo il ritardo ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?