Penale

Cassazione, stretta sul ne bis in idem

di Alessandro Galimberti

Se tra due violazioni - una di natura amministrativa, l’altra penale - c’è un rapporto di «progressione illecita» (e non di specialità) il giudice non può rilevare il ne bis in idem ma piuttosto deve sollevare una questione di legittimità costituzionale . E, in ogni caso, il divieto di secondo giudizio presuppone la definitività del procedimento amministrativo . La Terza penale della Cassazione torna sul tema della sentenza Grande Stevens vs Italia (decisione 25815/16, depositata ieri) ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?