Penale

I luoghi comuni offensivi non sono diffamatori

di Enrico Bronzo

Non integra il reato di diffamazione l’affermazione offensiva caratterizzata da preconcetti e luoghi comuni, che non consenta l’individuazione specifica di un determinato individuo a cui è stata rivolta l’offesa. La Corte di cassazione, con la sentenza 24065 depositata ieri, sdogana i «luoghi comuni» e le affermazioni che hanno una carica offensiva, sottolineando che «non integra il reato di diffamazione l’affermazione offensiva, caratterizzata da preconcetti e luoghi comuni, che non consenta l’individuazione specifica, ovvero riferimenti ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?