Penale

Indebita percezione e non truffa per il datore che inganna l'Inps sull'indennità di malattia

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Se il datore di lavoro dichiara falsamente all'istituto previdenziale l'avvenuta corresponsione in favore dei suoi dipendenti di somme a titolo di indennità di malattia, ottenendo così una compensazione di pari importo dallo stesso istituto, non si configura il reato di truffa, bensì quello di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, che prescinde dall'esistenza di artifici o raggiri, induzione in errore e danno patrimoniale per la vittima. In tal caso, se la somma falsamente dichiarata è al di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?