Penale

Incidenti stradali, la moto a fari spenti è “imprevedibile” per il guidatore dell'auto

di Guido Camera

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

L'utente della strada è responsabile anche del comportamento imprudente altrui, a patto che sia in concreto prevedibile ed evitabile. A stabilirlo è la Cassazione, con la sentenza n. 21581, depositata ieri. Ecco il caso: un motociclista viene mortalmente investito da un'autovettura che, non essendosi accorta dell'arrivo della moto, effettua una svolta a sinistra senza dare la precedenza e seguendo una traiettoria con la quale non impegna la corsia di marcia nella quale intende immettersi, bensì quella ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?