Penale

Rischia il carcere chi fa il “saluto fascista” allo stadio

Francesco Machina Grifeo

Commette un reato e dunque rischia il carcere, o comunque una pesante multa, chi fa il «saluto romano» allo stadio. Lo ha stabilito laCorte di cassazione, con la sentenza 17 maggio 2016 n. 20450, giudicando il ricorso proposto da sette “tifosi” che durante la partita Italia - Georgia che si giocava a Udine, valida per le qualificazioni ai Mondiali di calcio, «dagli spalti avevano fatto il “saluto fascista”, anche noto come “saluto romano”, per tutta la durata dell'inno nazionale ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?