Penale

Custodia cautelare «tempestiva»

di Alessandro Galimberti

La distanza temporale tra i fatti contestati e il momento della decisione cautelare è «tendenzialmente dissonante con l’attualità e l’intensità dell’esigenza cautelare». Le manette, quindi, possono scattare - e fermi gli altri presupposti - solo entro un ragionevole lasso di tempo dai fatti per i quali si procede. La Terza sezione penale della Cassazione torna sul tema del carcere preventivo per dar corso alla parte più pregnante della riforma dello scorso anno (legge 47/2015), vale a dire ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?