Penale

Istiga alla corruzione il sindaco che per un voto promette vantaggi al consigliere

di Paola Rossi

Scatta il reato di istigazione alla corruzione per il sindaco che «pressa» un consigliere comunale a dare voto favorevole sul bilancio dell'ente locale. Promettendogli un vantaggio personale. E la sua posizione non cambia anche se la volontà del consigliere si fosse «già» determinata in tal senso su accordo con altro consigliere. Così la Corte di cassazione con la sentenza n. 8203/16, depositata ieri, ha rigettato il ricorso di un sindaco che, seppur avvantaggiato dalla declaratoria dell'avvenuta prescrizione, non è ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?