Penale

Offendere una persona per il colore della pelle non sempre configura discriminazione o odio razziale

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Dare del «negro» ad una persona di colore, nell'ambito di una condotta ingiuriosa e minacciosa nei suoi confronti, non sempre configura la circostanza aggravante della discriminazione razziale e di odio etnico. È necessario analizzare infatti il contesto in cui tale offesa è maturata e la condotta deve essere tale da suscitare in altri il sentimento di odio etnico, non potendo la discriminazione razziale identificarsi con un qualsiasi comportamento contrastante un ideale di perfetta integrazione. Questo è quanto affermato dal ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?