Penale

Nel dopo Severino interdizione dai pubblici uffici slegata dalla pena principale

di Patrizia Maciocchi

Per il reato di corruzione commesso dopo l’entrata in vigore della legge Severino (190/2012) l’interdizione dai pubblici uffici è sganciata dal riferimento alla soglia minima della pena principale. Criterio che vale solo quando il reato è stato commesso prima che fosse operativa la legge 190/2012. La Corte di cassazione, con la sentenza 1088 depositata ieri, annulla per la parte che riguarda le pene accessorie, la sentenza nei confronti di cinque imputati condannati per corruzione propria, truffa aggravata ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?