Penale

Il rifiuto del sostituto da parte del cliente non giustifica il legittimo impedimento del legale

Francesco Machina Grifeo

La volontà degli assistiti di avvalersi esclusivamente dell'opera professionale del proprio avvocato, rifiutando di farsi assistere da un sostituto, non è una ragione sufficiente a giustificare il legittimo impedimento del legale a comparire in udienza. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza 13 gennaio 2016 n. 1022 , respingendo anche sotto questo profilo il ricorso di un imprenditore condannato, a seguito di un infortunio sul lavoro di un proprio dipendente, per lesioni personali colpose. Sul punto ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?