Penale

Rivelazione di segreto d'ufficio se l'accesso al Ced di polizia blocca l'assunzione

Giampaollo Piagnerelli

Pienamente legittima la condanna per rivelazione e utilizzazione di segreti d'ufficio da parte del cognato che – in qualità di assistente capo della Polizia - riveli al parente delle notizie riservate che siano state poi utilizzate per non assumere un dipendente in funzione di una condanna penale. Lo precisa la Cassazione con la sentenza n. 50438/2015 . I fatti - Alla base della sentenza una vicenda che aveva visto protagonisti due soggetti tra loro parenti e uno, ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?