Penale

Stalking anche se l'autore è paranoidee la vittima non ricorda l'ora e il luogo

Giampaolo Piagnerelli

La vittima di stalking non deve ricordare i comportamenti vessatori perpetrati nei suoi confronti nei minimi particolari. Non deve cioè fornire spiegazioni dettagliate sull'ora e il luogo in cui questi episodi si sono verificati. Ricorda la Cassazione - con la sentenza n. 49613/2015 - che avendo il reato natura abituale è sufficiente che gli atti persecutori abbiano avuto un effetto destabilizzante della serenità dell'equilibrio psico-fisico della vittima. La denuncia della vittima - Nel ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?