Penale

Atti sessuali con una minorenne, no all'attenuante se è rimasta incinta

Francesco Machina Grifeo

Se gli atti sessuali compiuti con una minore ne hanno determinato la gravidanza, allora non può essere riconosciuta l'attenuante della «minore gravità», prevista dall'articolo 609 quater, terzo comma, del codice penale, considerato «l'innegabile danno al normale sviluppo psico - fisico che ciò provoca alla vittima». Lo ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza del 16 dicembre 2015 n. 49572 , enunciando un principio di diritto e ricordando che tra gli elementi (fissati dal primo comma dell'articolo 133 ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?