Penale

Domiciliari: non evade chi preferisce il carcere per sfuggire alla moglie

Francesco Machina Grifeo

Chi alla moglie preferisce il carcere da oggi può contare sulla “comprensione” della Cassazione. La Suprema corte, sentenza n. 44595/2015 , ha infatti scagionato dal reato di evasione dagli arresti domiciliari un uomo che dopo un, evidentemente, pesante litigio coniugale aveva chiuso dietro di sé la porta di casa avvertendo però immediatamente il 113 di venirlo a prendere per portarlo in prigione. La vicenda - I giudici di secondo grado, invece, lo avevano condannato a quattro mesi di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?