Penale

Grande distribuzione, il direttore del punto vendita risponde degli alimenti avariati

Francesco Machina Grifeo

È il direttore del singolo punto vendita e non il rappresentante legale della catena di supermercati a rispondere penalmente della vendita di prodotti in cattivo stato di conservazione. A meno che non si accerti la presenza di un vizio a monte come, per esempio, la mancata adozione da parte dell'intera azienda delle procedure comunitarie sul controllo dei prodotti. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza 44335/2015 , accogliendo il ricorso di un amministratore condannato a pagare un'ammenda di ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?