Penale

Omissione atti d’ufficio: punita non la mancata adozione ma l'inerzia del funzionario

di Giuseppe Amato

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

La Cassazione chiarisce i profili del reato di omissione di atti d'ufficio (articolo 328, comma 2, del Cp ) e lo fa con la sentenza della sezione VI, del 22 ottobre 2015 n. 42610. La disposizione, si osserva, incrimina non tanto l'omissione dell'atto richiesto, quanto la mancata indicazione delle ragioni del ritardo entro trenta giorni dall'istanza di chi vi abbia interesse. Pertanto, l'omissione dell'atto non comporta ex se la punibilità dell'agente, poiché questa scatta soltanto se il pubblico ufficiale ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?