Penale

Senza raggiri l'inadempimento civile non è truffa

di Andrea Alberto Moramarco

Q
D
DContenuto esclusivo QdL

Se il venditore, dopo il pagamento dell'acconto, non dà esecuzione al contratto perché il compratore si rifiuta di accettare l'aumento del corrispettivo inizialmente pattuito, non si configura il delitto di truffa, bensì un semplice inadempimento civilistico da verificare dinanzi ala giudice civile. In tal caso, manca infatti il rapporto causale diretto tra gli artifizi che caratterizzano il reato di cui all'articolo 640 c.p. e la prestazione del consenso viziato. A ribadire il confine tra l'inadempimento contrattuale e la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?