Penale

Mafia: l'aggravante dell'agevolazione scatta solo se l'”aiuto” era lo scopo principale del favore

di Patrizia Maciocchi

L’aggravante di aver agito allo scopo di agevolare l’associazione mafiosa non può essere contestata se manca la prova che lo scopo che ha mosso l’imputato era proprio quello di favorire il clan. Non basta infatti, che chi ha messo in atto la condotta contestata abbia accettato l’eventualità che questa andasse a vantaggio della “famiglia”, come non è sufficiente neppure la certezza del favore. La Corte di cassazione, con la sentenza 29311 depositata ieri, annulla con rinvio la condanna ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?