Penale

Il ritardo nel sostituire il consigliere decaduto non basta a configurare il dolo per l'abuso d'ufficio

di Paola Rossi

Il ritardo con cui agisce il Presidente del Consiglio regionale nel sostituire un componente decaduto dalla carica di consigliere non concretizza di per sé solo la sussistenza del dolo specifico a base del reato di abuso d'ufficio. Al contrario, per il consigliere, che permane nel suo ruolo presso il consesso regionale, è sufficiente la conoscenza dell'avvenuta decadenza per integrare il reato di usurpazione di funzioni pubbliche previsto dall'articolo 347 del Codice penale . Così la Corte di cassazione con ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?