Penale

Misure cautelari, Tribunale del riesame libero di correggere la motivazione del provvedimento

Francesco Machina Grifeo

Il Tribunale del riesame è un giudice di merito e, come tale, ha il "potere-dovere" di correggere o integrare la motivazione, non solo in diritto, ma anche in fatto del provvedimento cautelare impugnato, confermando quest'ultimo - ove ne ricorrano le condizioni - con diversa motivazione. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza 27 aprile 2015 n. 17454 , rigettando il ricorso di un uomo che, nell'ambito di un procedimento per mafia, aveva impugnato il sequestro preventivo subìto a ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?