Penale

Cassazione, vizio di motivazione inammissibile se l'atto richiamato non è allegato

Per il principio di «autosufficienza del ricorso» in Cassazione, chi deduca il vizio di motivazione della sentenza impugnata «rispetto ad uno specifico documento o risultanza probatoria o comunque processuale», ha l'onere di riprodurre in seno al ricorso, o allegare ad esso, l'atto nella sua integralità. Il chiarimento arriva dalla Suprema corte, sentenza 14078/2015 , che ha bocciato, perché inammissibili, le doglianze di alcuni condannati per associazione mafiosa per il denegato riconoscimento del «vincolo della continuazione» con i reati posti ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?