Penale

Morti da amianto, controprova ampia

di Alessandro Galimberti

La Cassazione conferma la linea del rigore sulle morti da amianto. Per evitare la condanna per omicidio colposo del dipendente, al datore di lavoro non basta essersi adeguato alle norme preventive dell’epoca dei fatti, essendogli richieste «ulteriori misure preventive» di salvaguardia della salute. E in tema di prescrizione del reato, inoltre, la Suprema Corte, dribbla ancora una volta il tema della «latenza reale» della malattia professionale e anche quello della teoria della «dose scatenante» da cui ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?