Penale

Bancarotta fraudolenta, no alla custodia in carcere se la prognosi della pena è sotto i tre anni

di Francesco Machina Grifeo

In un procedimento per bancarotta fraudolenta patrimoniale e documentale il giudice prima di disporre la misura cautelare deve valutare - alla luce delle recenti modifiche al codice di procedura penale - se, all'esito del giudizio, la pena detentiva irrogata possa essere non superiore ai tre anni ed in questo caso non può disporre la custodia in carcere. Lo ha stabilito la Corte di cassazione, sentenza 10117/2015 , accogliendo sotto questo profilo il ricorso di un uomo recluso con l'imputazione ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?