Penale

Le massime sull’inapplicabilità della continuazione tra reato giudicato in Italia e all'estero

a cura della Redazione Lex24

Non è applicabile “in executivis” la continuazione tra il reato giudicato in Italia e il reato giudicato con sentenza straniera riconosciuta nell'ordinamento italiano, non essendo l'ipotesi del vincolo della continuazione contemplata tra quelle cui può essere finalizzato il riconoscimento della sentenza

Esecuzione - Condanna in Italia per più reati in continuazione - Detenzione patita all'estero per un fatto identico a uno dei reati oggetto della condanna inflitta in Italia - Computabilità in Italia per la determinazione della ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?