Penale

Utilizzabili come prova il Dna estratto anche all'insaputa dell'indagato

Alberto Cisterna

La sentenza n. 33076 del 2014 prende in esame il caso in cui l'autore di una rapina, consumata in una privata dimora, era stato identificato sulla scorta delle tracce biologiche repertate dalla polizia giudiziaria sul luogo del delitto. LA SENTENZA IN SINTESI LA MASSIMA Prove penali - Prelievo di campioni di Dna - Modalità non coattiva - Prelievo avvenuto all'insaputa dell'indagato - Irrilevanza - Utilizzabilità dei ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?