Penale

La qualificazione del reato va contestata, altrimenti l'imputato perde la chance dell'oblazione

di Giovanni Negri

Tocca all'imputato muoversi per ottenere una diversa qualificazione del fatto. Tale da rendere possibile l'oblazione. E questo anche se il giudice alla fine, nella sentenza che conclude il giudizio non ha aderito alla ipotesi dell'accusa e ha incasellato la condotta proprio tra i reati che all'oblazione danno accesso. A precisare che questa interpretazione delle norme non lede il diritto di difesa sono le Sezioni unite penali con la sentenza n. 32351 delle Sezioni unite penali depositata ieri. La sentenza ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?