Penale

Detenzione di droghe a fini di spaccio di lieve entità, pena da rivedere

di Enrico Bronzo

La Corte di cassazione ha accolto il ricorso, avverso la sentenza 4490/2013 della corte d'appello di Bologna, presentato da due condannati in materia di stupefacenti – per detenzione a fini di spaccio di cocaina –, i quali lamentavano l'eccessiva quantificazione della pena. I giudici di merito avevano ritenuto il fatto di «lieve entità» commesso sotto la vigenza della legge 49/2006 (recupero tossicodipendenti recidivi). La Cassazione ritiene invece che, quanto al trattamento sanzionatorio, vada applicata la ...


Quotidiano del Diritto

Il Quotidiano del Diritto è il nuovo strumento di informazione e formazione professionale pensato per avvocati, notai, magistrati e giuristi di impresa.

Sei un nuovo cliente?

Per continuare a consultarlo in maniera gratuita* per quattro settimane attiva subito la promozione.

Attiva

* È possibile attivare la promozione una sola volta

Sei già in possesso di username e password?